Home / Attualità  / DA COSA DIPENDE IL COLORE DEGLI OCCHI?

DA COSA DIPENDE IL COLORE DEGLI OCCHI?

Il concetto di fascino da sempre ‘dialoga’ con alcune caratteristiche di ciascuno, che sono in grado di raccontare determinati tratti dell’animo e definire un certo modo di essere. A cominciare dal nostro sorriso, insieme alle altre

Il concetto di fascino da sempre ‘dialoga’ con alcune caratteristiche di ciascuno, che sono in grado di raccontare determinati tratti dell’animo e definire un certo modo di essere.

A cominciare dal nostro sorriso, insieme alle altre espressioni del volto: elementi di assoluta unicità, calibrati su personalità diverse. Vanno a comporre un ideale biglietto da visita da spendere nelle relazioni di tutti i giorni, completato da un dettaglio non trascurabile che parla di geni e origini familiari: il colore degli occhi.

Si tratta di un universo fatto di sfumature e gradazioni più o meno intense, la cui genesi stimola da sempre la curiosità. Sono in molti a chiedersi da cosa dipende il colore degli occhi: in pratica, è legato al livello di melanina presente nell’iride. Nel caso in cui vi sia una quantità ridotta di tale pigmento avremo occhi azzurri, al contrario in caso la concentrazione sia molto alta avremo occhi marroni, con il verde che rappresenta una via di mezzo.

A seconda della concentrazione di melanina nelle varie parti dell’iride potranno esserci anche delle macchie di colore: per esempio intorno alla pupilla di occhi azzurri o verdi potrà esserci un leggero cerchio marrone.

Gli occhi possono essere di colore grigio, ambra, azzurro, verde o marrone: le stime parlano di un 80% circa della popolazione mondiale con gli occhi marroni. Poi arriva l’azzurro (10%), ambra al 5% mentre verde e grigio risultano i più rari in assoluto. Alcuni ritengono che ad ogni pigmentazione corrisponda una certa personalità, ad esempio gli occhi verdi sarebbero più indipendenti e creativi mentre gli occhi azzurri timidi e sensibili.

La spiegazione scientifica e la genesi dei colori

L’iride è la zona colorata dei nostri occhi: è qui che è contenuta la melanina, una pigmentazione che dipende innanzitutto dalle informazioni genetiche che vengono trasmesse dal padre e dalla madre al figlio (anche la luce, quando passa attraverso l’occhio, può influire sul modo in cui la pigmentazione si distribuisce).

La spiegazione scientifica colore degli occhi è molto affascinante e inizia nel momento del concepimento: i cromosomi che si ricevono sono formati da geni – a loro volta composti da Dna – i quali vanno a influire su molte caratteristiche fisiche. Compreso il colore degli occhi, nella determinazione del quale sarebbero coinvolti diversi tipi di geni.

Quelli che ordinano a una cellula nell’iride di produrre melanina in quantità maggiore sono dominanti a confronto con quelli che invece ne fanno produrre meno, consentendo così di avere gli occhi azzurri. Quando il bambino apre gli occhi sul mondo in genere li ha chiari, questo poiché non è ancora cominciata la produzione della melanina (il colore definitivo si assesterà verso i 2-3 anni).

Due genitori con occhi marroni daranno probabilmente alla luce un figlio con occhi marroni (75%), oppure azzurri (19%) o verdi (2%), così come due genitori con occhi azzurri daranno alla luce un bambino con occhi azzurri (99%) o verdi (1%). In caso di padre e madre con occhi verdi avremo un bambino con occhi verdi (75%), azzurri (24%) o marroni (1%), mentre dall’incontro di genitori con occhi marroni e occhi azzurri il bambino riceverà occhi marroni (50%) o occhi verdi (50%).

 

NON CI SONO COMMENTI

SCRIVI COMMENTO